Dblk: accidere ex una scintilla incendia passim: Il re di Nashville



Il re di Nashville

Se vi dicessi che il personaggio di oggi era un militare, che ha prestato il servizio in Germania dove si è comprato una chitarra e ha iniziato a suonare sul serio, pensereste subito ad Elvis. E non andreste poi tanto lontano. In effetti anche Johnny Cash aveva un acconciatura come quella del re e anche le sonorità erano simili. Preciso: Cash si è dedicato soprattutto al country e al blues, ma negli anni '50/'60 è stato anche lui un chitarrista rock davvero geniale. Io mi sono appassionato alla musica del cantante di Kingsland dopo aver sentito Dan Peterson che ne tesseva le lodi a margine di una partita di basket, ma soprattutto a causa della pubblicità nike.
Se volete sentire qualcosa di per capire le sonorità, potete ascoltare Big River The Nashville Session album composto con Bob Dylan e credo che questo sia sufficiente. Io di sotto vi metto la cover di un brano di Tom Petty "I won't back down".



Ps: Ed, sono passato e ho visto che non avevi scritto niente di musicale e mi sono permesso di rubarti l'angolo. Dblk

Etichette:

« Home | Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »

2 Comments:

At dom gen 06, 09:07:00 PM 2008, Blogger Ed said...

Ben fatto se parli di personaggi di questo calibro.
Immagino che tu abbia ascoltato anche At Folsom Prison e At San Quentin due live registrati nelle rispettive prigioni dove Cash era andato a suonare per i detenuti.

 
At mer nov 04, 06:04:00 AM 2009, Anonymous Anonimo said...

Si, probabilmente lo e

 

Posta un commento