Dblk: accidere ex una scintilla incendia passim: (Non) mi piace come sei



(Non) mi piace come sei

Partiamo da questo presupposto. Un buon libro è difficile da definire. Un buon libro può essere il vecchio e il mare, ma anche il codice da vinci di Dan Brown (così pieno di stereotipi e luoghi comuni sull'Europa quasi imbarazzanti). Difficile dunque capire qual è o cos'è il buon libro. Una discriminante però la si può trovare: un buon libro è un libro che si finisce di leggere in pochi giorni, è quell'idea che ti attrae nei momenti liberi della giornata e che ti trascina con sé al centro della terra con Otto e Axel o in giro per il mondo con il dialogo della natura e di un islandese di Leopardi. Stavolta quell'idea, quella voglia, ci trascina in Friuli, dovunque sia, perché neanche gli stessi friulani ne hanno idea. Almeno secondo Enrico, ragazzo complicato, o forse no, che vive in un mondo a parte, diverso, quello che vediamo tutti i giorni nei paesi di campagna e che vivrà un'esperienza nuova quando gli verrà diagnostica una malattia terribile: la sindrome dell'isola di Pasqua. In breve è questa la trama di un buon libro. Un libro scritto da Alberto Calligaris, 41enne scrittore italiano, ma non troppo, che di mestiere fa il giardiniere, anche perchè uno scrittore è solo chi guadagna abbastanza per mantenersi in vita scrivendo. Un libro che si chiama "(Non) mi piace come sei". Un libro decisamente da leggere. Lo potete trovare qui.
Nota a margine: se vogliamo esiste anche un'altra discriminante per un buon libro: il prezzo. Questo costa solo 9.90 €. Decisamente un buon libro. Dblk

Etichette: ,

« Home | Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »

2 Comments:

At mer gen 30, 02:54:00 PM 2008, Anonymous Anonimo said...

un buon libro è quello che ti strappa, è quello che parla di qualcosa che (non) ti piace, o per cui hai repulsione, o a cui non hai mai pensato per paura di scoprire qualcosa di te, che ti fa male e che allo stesso tempo non puoi smettere di leggere, che ti immobilizza, che spezza qualcosa, che torneresti a leggere anche se sei uno di quei tipi che una seconda volta mai e allo stesso tempo riaprirlo significherebbe toglierti da solo i punti a una ferita.
e questo è decisamente un ottimo libro.

 
At mer gen 30, 03:45:00 PM 2008, Blogger Ed said...

Mi hai incuriosito e cercherò di procurarmelo.

 

Posta un commento